Generalità
••• È la clausola di sbarramento prevista nel sistema elettorale tedesco allo scopo di impedire la rappresentanza politica nel Bundestag – cioè la Camera direttamente eletta per quattro anni dall’intero corpo elettorale, titolare congiuntamente al Bundesrat della funzione legislativa e dalla quale dipende la fiducia del Cancelliere e del governo – ai partiti o movimenti politici che non abbiano raggiunto il 5% dei voti validi su tutto il territorio nazionale; e tuttavia, la stessa clausola di sbarramento non viene applicata a quelle liste elettorali che, pur non raggiungendo la soglia del 5% a livello nazionale, abbiano vinto in almeno tre collegi uninominali.
••• A dispetto di alcune critiche in termini di democrazia rappresentativa, la suddetta clausola si è dimostrata estremamente utile per garantire la stabilità della politica nazionale tedesca, anzitutto dal punto di vista del potere esecutivo, poiché in tal modo si consente da una parte la rappresentanza ai partiti o movimenti effettivamente rappresentativi dell’elettorato tedesco e dall’altra si impedisce un’inutile, e talora dannosa, dispersione dei voti.
Bibliografia
••• Paolo Biscarietti di Ruffìa, “Costituzioni straniere contemporanee”, Giuffrè Edizioni, Milano, 2004
••• Gianfranco Pasquino, “I sistemi elettorali”, Il Mulino Edizioni, Bologna, 2006