Generalità
••• Espressione entrata a far parte del lessico politico moderno e contemporaneo per indicare il contrasto (manifesto) tra le classi sociali di un paese e quella che detiene il potere politico. In particolare, tale contrasto è stato utilizzato nella prima metà del XIX secolo, in Italia come nel resto dell’Europa occidentale, per contestare l’eccessiva ristrettezza del diritto di voto che, infatti, veniva determinato dal censo, e da qui, appunto, la contrapposizione tra “paese legale” – il corpo elettorale ristretto e elitario – e “paese reale” – il resto della comunità dei cittadini impossibilitati ad esprimersi liberamente.
Bibliografia
••• “Enciclopedia della storia universale”, De Agostini Edizioni, Novara, 1999