Generalità
••• Espressione storiografica utilizzata per la prima volta dalla scuola francese degli storici degli “Annales” (March Bloch, Lucien Febvre, Fernand Braudel) per designare il loro approccio relativamente allo studio della storia, che privilegia i fenomeni e le strutture di lunga durata più che i singoli avvenimenti, che vede – soprattutto in Braudel – una storia quasi immobile, una storia sociale lentamente scandita da mutamenti quasi impercettibili e che si realizzano nell’arco di almeno un secolo, contrapponendosi pertanto al concetto inverso di breve durata, tipico della storia evenemenziale.
Bibliografia
••• Fernand Braudel, “Civiltà e imperi del Mediterraneo nell’età di Filippo II”, Einaudi Editore, Torino, 1953
••• Massimo L. Salvadori, “Enciclopedia storica”, Zanichelli Editore, Bologna, 2000