Generalità
••• Comportamento solitamente dettato da un sentimento di alienazione o estraniazione, l’apatia designa nel linguaggio politico e sociale contemporaneo uno stato di distacco e disinteresse nei confronti dei fenomeni politici, quali per esempio le consultazioni elettorali, le istituzioni o le problematiche sociali; di fatto, l’individuo non si sente, o non vuole essere, un protagonista attivo e centrale degli avvenimenti, dei quali spesso ignora perfino l’esistenza.
••• Fenomeno presente – e in alcuni casi in aumento – anche nelle società industriali avanzate, che pure si caratterizzano per alti livelli di istruzione e di comunicazione, l’apatia si collega sovente alle caratteristiche proprie e specifiche di ogni sistema politico, come la selezione e l’accesso alle cariche politiche, rappresentando talora un problema piuttosto serio, soprattutto nelle società caratterizzate da una diffusa apatia, nelle quali, infatti, il conseguimento effettivo di rilevanti obiettivi economici e sociali richiede necessariamente un alto grado di motivazione e di partecipazione presso larghi strati della popolazione.
Bibliografia
••• Norberto Bobbio, Nicola Matteucci, Gianfranco Pasquino, “Il Dizionario di Politica”, UTET Editore, Torino, 2004