Generalità
••• Dal latino “dux”, cioè “condottiero” o “guida”, il termine duce è stato in uso in età romana per designare solitamente il comandante militare e, dopo un periodo nel dimenticatoio, è stato poi rispolverato nel corso del XX secolo, prima durante la Prima guerra mondiale in maniera propagandista e retorica in relazione al Re d’Italia Vittorio Emanuele III in quanto comandante delle nostre forze armate, e soprattutto per indicare Benito Mussolini quale capo incontrastato del fascismo italiano, entrando in tal modo, e con successo, nel linguaggio quotidiano comune e nell’immaginario collettivo, così come in diversi altri paesi europei vennero utilizzati lemmi dal significato pressoché analogo per indicare dittatori e despoti – prevalentemente di destra -, come ad esempio in Germania (“Fuhrer”: Adolf Hitler), in Spagna (“Caudillo”: Francisco Franco), in Romania (“Conducator”: Ion Antonescu) e in Croazia (“Poglavnik”: Ante Pavelic).
Bibliografia
••• Massimo L. Salvadori, “Enciclopedia storica”, Zanichelli, Bologna, 2000