Generalità
••• Reading 7 ottobre 1573 † Londra 10 gennaio 1645.
••• Ecclesiastico inglese, uno dei più strenui difensore di Re Carlo I d’Inghilterra, al punto che, a seguito della Guerra civile inglese, fu, prima del sovrano, arrestato e condannato a morte per decapitazione.
••• Nato in una famiglia di commercianti d’abiti, dopo gli studi di grammatica al Reading School e poi al St. John’s College di Oxford – del quale fu nominato preside nel 1611 -, William Laud venne ordinato sacerdote il 5 aprile 1601, iniziando così una prestigiosa carriera ecclesiastica e scalando ben presto le posizioni all’interno del clero inglese e negli stessi circoli di corte, tanto che nel 1625 presiedette all’incoronazione del suo sovrano e aprì i lavori del Parlamento con una lunga predica. Dopo essere stato nominato vescovo, prima di Bath e di Wells (1626) e successivamente di Londra (1628), Laud divenne infine Arcivescovo di Canterbury nel 1633, introducendo alcune importanti modificazioni nelle forme del culto anglicano – al cui centro venne posta la comunione e non più la predica -, attuando una rigorosa opera di repressione in merito alle irregolarità amministrativa delle Chiese e preoccupandosi di innalzare il livello del clero nazionale.
••• Fervente sostenitore dell’assolutismo monarchico, William Laud nel corso del 1627 divenne il consigliere principe di Carlo I, al quale si legò apertamente, contrastando da quel momento con durezza e puntiglio qualunque posizione che mettesse in dubbio il diritto reale divino. Acerrimo avversario del calvinismo e del puritanesimo, Laud, e con lui anche il Re Carlo I, pagò assai caro il tentativo di imporre su tutti i territori britannici il nuovo culto episcopale, soprattutto nella Scozia presbiteriana, dove l’imposizione forzata nel 1637 della nuova liturgia fu la scintilla scatenante di una rivolta in armi – la “Guerra dei vescovi”, 1639-1640 -, a difesa della propria libertà religiosa e politica. Questo fatto rappresentò per Laud l’inizio della fine, dato che, messo sotto accusa dal Lungo Parlamento – in cui, tra l’altro, i suoi nemici storici, ovvero i puritani di Oliver Cromwell, stavano assumendo sempre più influenza e ascendente -, venne arrestato e immediatamente tradotto alla Torre di Londra, a quel tempo penitenziario per detenuti nobili e abbienti. Processato e condannato a morte nel 1644 per alto tradimento, Laud rimase imprigionato fino al giorno dell’esecuzione capitale, avvenuta il 10 gennaio 1645, precedendo così di quattro anni il suo adorato Carlo I.
Bibliografia 
••• Kenneth Morgan, “Storia dell’Inghilterra”, Bompiani Editore, Milano, 2001,