Generalità
••• Titolo conferito dal XVI secolo a numerosi re e principi e in particolare attribuito nel 1521 dal Pontefice Leone X al Re d’Inghilterra Enrico VIII in riconoscimento del trattato noto come “Assertio septem sacramentorum” – compilato con il sostegno di esimi consiglieri, tra i quali Tommaso Moro, e nel quale veniva rimarcato il valore del matrimonio e il ruolo del pontefice – per la lotta intrapresa contro le tesi elaborate da Martin Lutero a difesa del cattolicesimo.
••• A seguito della rottura tra la Chiesa romana e Enrico VIII, con la conseguente costituzione della Chiesa anglicana, Paolo III nel 1538 revocò il titolo onorifico, che tuttavia fu riconfermato dal Parlamento inglese nel 1544, divenendo da allora una prerogativa della monarchia inglese, riflettendo quindi la posizione del sovrano quale Capo Supremo della Chiesa d’Inghilterra.
Bibliografia
••• Ernesto Buonaiuti, “Storia del cristianesimo”, Newton & Compton Editore, Roma, 2002